Magnetic Lashes: rivoluzione o delusione?

Purtroppo non tutte hanno la fortuna di nascere con ciglia perfette. C’è chi le ha piatte, chi corte, chi sottili, insomma, c’è chi non è soddisfatta di come le ha! Tanti prodotti “miracolosi” per aumentarne la crescita, come sieri, olio di ricino. Mille mascara acquistati ma tutti che si sono rivelati poco adatti all’esigenza. Quindi come procedere? Bisogna rassegnarsi? Assolutamente no, a tutto c’è rimedio, una soluzione la si trova sempre.

Come ben sapete, in commercio ci sono le fatidiche “Ciglia Finte”. quelle sensazionali, capaci di rendere seducente e magnetico qualsiasi sguardo. L’unica pecca è forse quella di doverle applicare con la fastidiosissima ed appiccicosa colla. Ecco perché, personalmente, non le ho mai provate, anche se non vi nego che mi hanno sempre attratta.

Ovviamente nel campo “beauty” il progresso e l’innovazione vanno di pari passo, realizzando ciò che più può soddisfare una donna e regalarle tutto il benessere di cui ha bisogno. Con immenso piacere, oggi ho l’onore di parlarvi delle Magnetic Lashes. Mai sentite nominare?

Iniziate ad eliminare la vostra nemica numero uno, la colla; si tratta di ciglia finte magnetiche, proprio così. Al centro vi è posizionato un magnete che va a congiungersi con il suo gemello; infatti ne occorrono quattro in totale, due per ogni occhio. Una ciglia va applicata sulla base superiore delle vostre naturali, a l’altra va posizionate perfettamente al lato inferiore. Pazzesco, vero?

Inizialmente ero scettica, non pensavo di innamorarmene e di non poterne fare più a meno. Potete applicare il vostro mascara abituale, lasciare che si asciughi per bene e completare l’opera con questo fantastico prodotto. E’ una vera rivoluzione, il risultato è molto naturale e soddisfacente, sguardo più aperto e decisamente molto femminile. Ve le consiglio vivamente e potrete trovarle su Amazon. Cosa aspettate a provarle?

 

Magnetic Lashes: una rivoluzione o una delusione?

 

 

Magnetic Lashes: una rivoluzione o una delusione?

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *